Monthly Archives

luglio 2018

Carla Casciari

ASSESTAMENTO BILANCIO 2018: “LA REGIONE INVESTE SU PERUGIA, CITTÀ CAPOLUOGO DI REGIONE”

By | Assemblea Legislativa, Comunicati stampa | No Comments

Carla Casciari(Acs) Perugia, 31 luglio 2018 – “La Regione Umbria ha riservato, anche con l’assestamento di bilancio 2018, una dotazione finanziaria consistente per la città di Perugia, riconoscendone il ruolo centrale di capoluogo di regione”. Così il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) commenta  l’atto approvato nella seduta dell’Assemblea Legislativa di ieri e aggiunge: “I numeri parlano da soli e compensano l’arretramento della Giunta Romizi su temi di grande rilievo per i cittadini quali mobilità, cultura e sport. Passi indietro che hanno fatto perdere alla città la sua tradizionale vocazione innovativa ed internazionale”.

 

Casciari spiega che la Regione Umbria ha deciso di incrementare, per il 2019 e il 2020, “di ben 3milioni di euro i trasferimenti a sostegno degli interventi per la mobilità alternativa; e poi ancora ha stanziato 500mila euro a titolo di cofinanziamento per l’adeguamento e la ristrutturazione del Pala Barton di Pian di Massiano, ad oggi l’unico impianto sportivo al coperto della regione capace di ospitare grandi eventi, sportivi e non solo”.

 

“L’attenzione – prosegue l’esponente del PD – si è concentrata anche sulla Chiesetta interna agli spazi della Nuova Monteluce di proprietà della Regione Umbria: con 300mila euro, infatti, saranno finanziati il consolidamento e il restauro dell’immobile, un primo passo che permetterà al quartiere di riavere un luogo di culto adeguato in attesa della riapertura della Chiesa di Santa Maria Assunta, situata sempre a Monteluce. La Regione Umbria, infine, riconoscendo la rilevanza degli eventi artistico-culturali legati al capoluogo quali fattore di attrazione turistica dell’intero territorio regionale, oltre a sostenere economicamente Umbria Jazz, considerata ad oggi la terza manifestazione di jazz nel mondo in ordine di importanza, anche in questo assestamento ha autorizzato un contributo annuo di 150mila euro a favore della Fondazione Perugia Musica Classica Onlus di cui sono soci il Comune, e l’Associazione Amici della musica, Fondazione Cassa di Risparmio, Associazione Sagra Musicale Umbra di Perugia”.

 

“Queste – spiega Casciari – sono solo le maggiori voci di bilancio che la Regione ha dedicato alla città di Perugia e sul cui mantenimento ho prestato la massima attenzione in sede di discussione del disegno di legge di assestamento. Ritengo infatti – conclude – che l’Amministrazione e la politica regionale debbano riconoscere al Capoluogo e alle sue eccellenze il valore che gli è proprio, soprattutto quando tutto ciò crea indotto per l’economia del territorio”.  RED/tb

chiesa_esterno

PERUGIA: “RICONSEGNA ALLA CITTÀ DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELL’ASSUNTA (MONTELUCE) – INTERROGAZIONE DI CASCIARI (PD) SU “TEMPI E MODALITÀ DI COMPLETAMENTO LAVORI E MESSA IN SICUREZZA DELL’EDIFICIO”

By | Comunicati stampa | No Comments

chiesa_esterno(Acs) Perugia, 26 luglio 2018 – Il consigliere Carla Casciari (Pd) annuncia di aver presentato una interrogazione con la quale chiede alla Giunta regionale di “conoscere tempi e modalità con cui verranno realizzati/ultimati gli interventi sulla chiesa di Santa Maria dell’Assunta in Monteluce (Perugia)”.

Nell’atto ispettivo Casciari evidenzia che l’edificio di culto “è stato dichiarato inagibile a seguito del sisma dell’agosto 2016 e per la sua ristrutturazione da parte del ministero di Beni culturali sono stati stanziati 255mila euro. Per la popolazione la riapertura del luogo di culto concorre a rinsaldare la fiducia e i legame con il proprio territorio, consolidando l’aggregato sociale e il tessuto della comunità, che ora deve utilizzare uno spazio provvisorio messo a disposizione nei locali della ‘Nuova Monteluce’”.

Carla Casciari spiega inoltre che “la Regione Umbria, in attesa che vengano realizzati/ultimati gli interventi sulla chiesa di Santa Maria dell’Assunta, ha stanziato nell’assestamento al bilancio di previsione 2018-2020 risorse pari a 300mila euro per il consolidamento, restauro e adeguamento sismico della chiesetta di Monteluce, situata all’interno del vecchio complesso ospedaliero e di proprietà della Regione, al fine di consegnarla in tempi celeri alla comunità per l’esercizio del culto”. MP/

premiazione

PREMIAZIONE MARTA NIZZO, CAMPIONESSA EUROPEA 2018 DI TENNIS TRAPIANTATI E DIALIZZATI

By | Comunicati stampa | No Comments

premiazionePerugia – Dodici anni fa è riuscita a fare il trapianto di rene al Gemelli di Roma e da allora la sua passione per il tennis è aumentata di pari passo con la sua ripresa fisica e crescita sportiva fino a farla diventare per due volte campionessa mondiale di tennis per trapiantati e, lo scorso mese, campionessa europea di tennis per trapiantati e dializzati. Marta Nizzo, 35 anni di Todi, è un“esempio di forza e determinazione e per questo motivo è stata premiata mercoledì 25 luglio presso l’aula magna del polo didattico della scuola di medicina, adiacente all’azienda ospedaliera di Perugia, durante gli esami di laurea del corso di laurea magistrale in scienze e tecniche dello sport e dell’attività motorie preventive ed adattate.

All’iniziativa, moderata dal consigliere regionale Carla Casciari, hanno partecipato: Leonella Pasqualini (presidente del corso di laurea magistrale in scienze e tecniche dello sport e dell’attività motorie preventive ed adattate), Carlo Riccardi (direttore del dipartimento di medicina), Giorgio Fratini (segretario Aned Umbria), Gianluca Tassi (presidente Cip Umbria), Antonella Tiranti (dirigente servizio turismo, commercio e sport della Regione Umbria).

“Per Marta lo sport è stato un elemento trainante della sua vita – ha spiegato Carla Casciari aprendo la premiazione – sia dopo il trapianto ma anche prima, durante la dialisi. E’ un esempio di vita e premiarla oggi, durante la discussione delle tesi di laurea, è un bel segnale per questi ragazzi che si apprestano ad entrare nel mondo del lavoro e che potranno avere nuove opportunità. La Regione Umbria,  infatti, con la legge regionale sullo sport, è una delle prime regioni d’Italia ad aver normato anche le ‘palestre della salute’, quindi uno sport adattato alle condizioni fisiche del singolo soggetto”. Concetto ripreso anche dalla dirigente Antonella Tiranti che ha detto che la Giunta sta concludendo l’iter per approvare la proposta di regolamento per “l’esercizio dell’attività dei Centri di attività motoria e delle palestre della salute”.

Giorgio Fratini, segretario Aned Umbria, ha ricordato che l’Associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto onlus opera da 30 anni per insegnare alle persone l’importanza di esprimere la volontà di donare gli organi in vita. Gianluca Tassi, presidente Cip Umbria, ha sottolineato l’importanza di praticare uno sport, attività di supporto soprattutto nei momenti più difficili della vita. Leonella Pasqualini, presidente del corso di laurea magistrale in scienze e tecniche dello sport e dell’attività motorie preventive ed adattate, e Carlo Riccardi, direttore del dipartimento di medicina, infine, hanno portato i loro saluti.

Prima della premiazione Marta Nizzo, che fa parte anche della nazionale italiana di tennis trapiantati, ha raccontato di aver sempre “avuto la racchetta in mano, con qualche difficoltà anche quando facevo la dialisi, ma i veri risultati sono arrivati dopo il trapianto. Per me – ha proseguito – fare sport mi ha reso uguale ai miei coetanei. Ed oggi, ogni volta che raggiunto un risultato, c’è una parte di me che pensa al donatore che mi ha permesso tutto ciò e ringrazio infinitamente la sua famiglia”.

Subito dopo Tassi ha consegnato, a nome della Regione Umbria, una medaglia con la dedica “a Marta Nizzo esempio di forza e determinazione” mentre Guglielmo Sorci, in rappresentanza del corso di laurea triennale, una tuta brandizzata che usano gli studenti. Un rappresentante dell’Anam (Associazione Nazionale per le Attività Motorie), infine, che ha sviluppato un progetto relativo all’attività motoria nella palestra situata presso l’ospedale di Pantalla di Todi che frequenta Marta, una targa con scritto “Marta Nizzo, campionessa di sport, campionessa di vita”.

L’evento ha il patrocinio dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, dell’Università degli Studi di Perugia, del Comitato italiano paralimpico dell’Umbria e dell’Associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto onlus.

 

Chi è Marta Nizzo

Marta Nizzo è nata a Todi 35 anni fa. Ha sempre sofferto di insufficienza renale cronica ed, intorno ai 10-12 anni, i medici che la seguivano le avevano suggerito di fare un’attività sportiva. Marta ha provato varie discipline per poi decidere, nel corso del tempo, di praticare il tennis. Un amore per questo sport che l’ha anche portata a continuare a giocare – seppur con molta difficoltà – anche quando faceva la dialisi.

Dodici anni fa, però, Marta è riuscita a fare il trapianto di rene al Gemelli di Roma e da allora la sua passione per il tennis è aumentata di pari passo con la sua ripresa fisica e crescita sportiva. Oggi, infatti, è regolarmente tesserata con il Tennis Club Todi e milita nella categoria 4.1. Disputa alcuni dei tornei legati ai circuiti Fit del Centro Italia. Ma non solo. Oggi fa parte della nazionale italiana di tennis trapiantati. E’ pluricampionessa mondiale di tennis per trapiantati ed europea di tennis per trapiantati e dializzati. Si tratta di manifestazioni sportive organizzate allo scopo di dimostrare l’importanza della donazione degli organi.

Il primo titolo lo ha conquistato a Göteborg in Svezia, in occasione dei Mondiali del 2011, vincendo l’oro sia nel singolare che nel doppio femminile. Il secondo è arrivato nel 2017 a Malaga, in Spagna. Anche in questo caso Marta ha vinto l’oro mondiale nel singolare femminile ed il bronzo nel doppio misto. Il mese scorso, invece, per la prima volta ha preso parte a Cagliari al Campionato Europeo per trapiantati e dializzati. In Sardegna ha vinto l’oro nel singolare femminile ed il bronzo nel doppio misto.

Ora Marta si continua a preparare con l’intenzione di partecipare nel 2019 ai Mondiali (si tengono ogni due anni), in programma a Newcastle-Gatehead in Inghilterra. Da tre anni si sta allenando non in una palestra convenzionale ma in una specifica. Con sua grande soddisfazione è seguita dall’Anam (Associazione Nazionale per le Attività Motorie), che ha sviluppato un progetto relativo all’attività motoria rivolto a persone con cardiopatie e/o fattori di rischio cronico cardiovascolare (paziente cronico stabilizzato), nella palestra situata presso l’ospedale di Pantalla di Todi.

 

Carla Casciari

SICUREZZA: “CON IL PATTO DI VOLONTARIATO LA REGIONE UMBRIA DA’ RISPOSTE CONCRETE AI CITTADINI”

By | Assemblea Legislativa, Comunicati stampa | No Comments

Carla Casciari(Acs) Perugia, 24 luglio 2018 – “Anche in questo caso la Regione Umbria ha scelto di dare risposte concrete ai cittadini facendosi carico di migliorare la sicurezza delle comunità locali garantendo, allo stesso tempo, i diritti dei migranti con il ‘patto di volontariato’”. Commenta così il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) l’approvazione delle integrazioni in materia di sicurezza urbana da parte dell’Assemblea legislativa dell’Umbria.

“L’atto ha una doppia finalità. La prima – spiega Carla Casciari – è quella di superare la condizione di inattività dei migranti in attesa o già titolari di protezione internazionale e umanitaria, temporaneamente ospitati nei centri di accoglienza, attraverso lo svolgimento di attività di pubblica utilità a favore della comunità che li ha accolti. La seconda è di permettere ai Comuni che si sono resi disponibili ad ospitarli di presentare progetti legati alla salvaguardia dell’ambiente, della cura del verde, dell’arredo urbano, del patrimonio, storico, artistico, culturale e religioso sapendo di poter contare sulla copertura assicurativa e di sicurezza sul lavoro per i volontari migranti”.

“Questo provvedimento – sottolinea ancora il consigliere regionale del Partito democratico – consolida un modello di accoglienza fatta di piccoli numeri che ha garantito una gestione inclusiva, governata in modo coordinato da ente Regione, Prefetture, Comuni e Terzo settore. Queste integrazioni in materia di sicurezza urbana – conclude Casciari – non comportano alcun vincolo di ospitalità o di rimborso ma ci caratterizzeranno, ancora di più, come una Regione in grado di parlare di integrazione sociale operando concretamente per realizzarla”. RED/mp

Data:

Marta Nizzo

SPORT: IL CONSIGLIERE CASCIARI (PD) PRENDERÀ PARTE ALLA PREMIAZIONE DI MARTA NIZZO, VINCITRICE DEL CAMPIONATO EUROPEO 2018 DI TENNIS PER TRAPIANTATI E DIALIZZATI

By | Comunicati stampa | No Comments

marta-nizzo(Acs) Perugia, 23 luglio 2018 – Il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) prenderà parte alla premiazione di Marta Nizzo, vincitrice del Campionato europeo 2018 di tennis per trapiantati e dializzati. La cerimonia è in programma mercoledì 25 luglio, alle ore 16, nell’aula magna del polo didattico della scuola di medicina, adiacente all’azienda ospedaliera di Perugia.

 

Il consigliere modererà l’iniziativa a cui parteciperanno: Leonella Pasqualini (presidente del corso di laurea magistrale in scienze e tecniche dello sport e dell’attività motorie preventive ed adattate), Carlo Riccardi (direttore del dipartimento di medicina), Giorgio Fratini (segretario Aned Umbria), Gianluca Tassi (presidente Cip Umbria), Fabio Paparelli, (assessore regionale allo sport).

 

L’evento ha il patrocinio dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, dell’Università degli Studi di Perugia, del Comitato italiano paralimpico dell’Umbria e dell’Associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto onlus. RED/mp

carlacasciari_

WELFARE: “FINALMENTE UN PIANO DI LOTTA ALLA POVERTÀ ANCHE IN UMBRIA”

By | Comunicati stampa | No Comments

carlacasciari_(Acs) Perugia, 21 luglio 2018 – “Anche l’Umbria ha un piano regionale per la lotta alla povertà grazie al decreto legislativo n. 147 del 2017 del Governo Pd”. Lo sottolinea il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) plaudendo alla preadozione dell’atto da parte della Giunta.

 

“Dallo scorso primo dicembre – prosegue – è stata istituita la misura universale di contrasto alla povertà ed anche in Umbria almeno venti famiglie al giorno richiedono di beneficiarne. A differenza del tanto sbandierato ‘reddito di cittadinanza’, portato in campagna elettorale da esponenti dell’attuale Governo che non ha visto ancora la luce e neanche la copertura finanziaria, il ‘reddito di inclusione’, così si chiama, è una misura reale e concreta e non una forma passiva ed assistenzialistica di sostegno. Infatti, il reddito di inclusione non è solo un’erogazione di denaro ma impegna il nucleo familiare beneficiario a rispettare un percorso di recupero dell’autonomia socio-economica. Bene, quindi, che la Giunta regionale – aggiunge Casciari – abbia declinato sul nostro territorio un piano di lotta alla povertà con un investimento economico straordinario di oltre 3,6 milioni di euro con una forte regia regionale. Non è l’ennesima forma di assistenza passiva ma un piano contro la povertà che attiva la rete dei servizi alla persona, il terzo settore, il mondo economico e che mette a disposizione anche nuove risposte e risorse certe per far uscire dalla soglia di povertà coloro, numerosi anche in Umbria, che a causa del perdurare della crisi sono scivolati in una situazione di vulnerabilità. Con tali nuove risorse i Comuni potranno implementare e qualificare il personale dei servizi sociali con nuovi punti di ascolto, potenziare la presenza domiciliare nel casi complessi, sostenere servizi di prossimità e aiutare i cittadini costretti ad uscire dal mercato del lavoro. Ora, Comuni, distretti sanitari, Agenzia regionale per il lavoro e terzo settore – conclude Casciari – dovranno dialogare per stringere questa rete di protezione e garantire risposte personalizzate a chi, spesso giovani famiglie, da solo non ce la fa”. RED/mp

Carla Casciari

ADISU: “IL BANDO CONFERMA GLI IMPEGNI DELLA REGIONE SUL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO”

By | Comunicati stampa | No Comments

(Acs) Perugia, 20 luglio 2018 – “L’investimento nella formazione universitaria è un asse strategico per lo sviluppo regionale e la ferma volontà della politica regionale che sostiene l’attrattività dei nostri atenei, collocati stabilmente ai primi posti delle classifiche nazionali, è testimoniata anche dal numero di borse di studio e servizi annualmente erogate che aumentano di anno in anno”. Così il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) che, nel commentare l’uscita del bando Adisu per l’assegnazione delle borse di studio e servizi per il diritto allo studio universitario per l’anno accademico 2018/19, rimarca come si sia “passati, infatti, dai 3.828 borsisti del 2016 ai 4.338 beneficiari nel 2017 contribuendo a garantire il 100 per cento di erogazioni agli aventi diritto”.

“Grazie alla collaborazione e allo stimolo delle rappresentanze studentesche – spiega l’esponente Dem – si è giunti all’emanazione del nuovo bando che consentirà, per il settimo anno consecutivo, di essere una delle sedi universitarie con le migliori offerte di servizi e borse nonostante le rimodulazioni nell’offerta dei servizi e la revisione delle fasce ISEE, elementi di novità che si sono resi necessari viste le incertezze sulle risorse del fondo nazionale per il diritto allo studio, anch’esso in fase di ridefinizione secondo nuovi parametri. Vorrei anche ricordare – aggiunge Casciari – che quest’anno sono venute meno le risorse straordinarie che il Governo aveva stanziato per il diritto allo studio per le annualità 2016 e 2017, quale forma di sostegno ai territori colpiti dal sisma”.

“Proprio per sopperire a ciò – precisa Casciari -, a testimonianza dell’impegno per garantire il diritto allo studio agli studenti e allo loro famiglie, le risorse che nel 2018 la Regione Umbria destinerà a questo capitolo di bilancio, ammontano a 9,5 milioni di euro, superiori di 2,5 milioni di euro rispetto allo scorso anno”.

“Invito pertanto alcuni esponenti dell’opposizione in Regione – continua Casciari – a preoccuparsi piuttosto del fatto che il governo Lega-5Stelle sembra intenzionato ad istituire il cosiddetto ‘Prestito d’onore’ per coloro che hanno difficoltà a pagarsi gli studi universitari. Oltre a non aver consultato le rappresentanze studentesche, infatti, lo strumento del prestito che il Ministero vorrebbe introdurre nel nostro Paese è tutt’altro che utile per gli studenti appartenenti alle fasce più deboli, in quanto contribuisce ad indebitare i ragazzi con meno disponibilità economiche”.

Secondo Casciari, in conclusione, “si tratta di una scelta che evidenzia come questo Governo non abbia come priorità il diritto allo studio, poiché, anziché implementare il fondo nazionale per il diritto allo studio, preferisce affidare alle banche uno strumento per lucrare sulle condizioni materiali degli studenti, creando debiti insostenibili per gli universitari”. RED/as

aaaa

SANITÀ: “SOSTEGNO AI MEDICI SPECIALIZZANDI CHE IN UMBRIA PAGANO TASSE UNIVERSITARIE FRA LE PIÙ ALTE D’ITALIA”

By | Comunicati stampa | No Comments

aaaa(Acs) Perugia, 18 luglio 2018 – “I medici specializzandi, pur vincendo un bando nazionale, sono sempre più spesso costretti a formarsi fuori sede e ritengo iniquo e non competitivo che l’Università di Perugia applichi le tasse di iscrizione annuali tra le più alte d’Italia  e che solo questa categoria di studenti/lavoratori, a differenza di altri specializzandi quali farmacisti, veterinari o biologi, sia soggetta a questa spesa”: così il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) a sostegno dell’Asup, Associazione Specializzandi Università di Perugia, dopo la manifestazione di oggi contro l’annunciato aumento delle tasse universitarie. Casciari presenterà alla Terza commissione consiliare una richiesta di audizione sul tema.

“I medici specializzandi – spiega – sono una risorsa essenziale per il Sistema sanitario regionale: svolgono un prezioso lavoro al fianco del personale medico delle Aziende Ospedaliere e, con il loro contributo quotidiano, sono un punto di riferimento per i pazienti e per le loro famiglie”.

“A questo – conclude Casciari – va aggiunta la necessità che vengano agevolati gli accessi e la frequenza alla formazione, senza che questo gravi onerosamente sui medici-studenti, nei confronti dei quali il sistema universitario e sanitario dovrebbero investire per conseguire standard di eccellenza e di qualità per la maggiore efficienza del nostro sistema sanitario regionale”. RED/pg

20180717_131145

“QUALI IMPEGNI PER LA VIABILITA’ DELLA NUOVA COLLESTRADA CON L’INSEDIAMENTO DI IKEA?”, QT IN ASSEMBLEA LEGISLATIVA

By | Assemblea Legislativa, Comunicati stampa | No Comments

20180717_131145(Acs) Perugia, 17 luglio 2018 – Nell’Aula di Palazzo Cesaroni, durante la sessione odierna dedicata alla discussione delle interrogazione a risposta immediata, è stato discusso l’atto ispettivo dei consiglieri regionali del Partito democratico Carla Casciari e Giacomo Leonelli relativo al “progetto della nuova viabilità prevista a Collestrada in conseguenza dell’insediamento di Ikea, che sembrerebbe non tenere comunque in giusta considerazione gli ingenti flussi di traffico provenienti dal nuovo collegamento Perugia–Ancona e dalla E45 direzione nord-sud”.

 

Illustrando l’interrogazione, Casciari ha chiesto di “conoscere l’ammontare delle risorse finanziarie messe a disposizione da Anas, Eurocommercial e Comune di Perugia per la realizzazione degli interventi previsti per la viabilità principale e secondaria e per conoscere i tempi di realizzazione previsti per il nodo di Perugia, in particolare della viabilità di raccordo tra il nuovo svincolo di Madonna del Piano e l’area ospedaliera di Sant’Andrea delle Fratte, così come deliberato dall’Assemblea legislativa nel maggio 2017.  È evidente – ha aggiunto – che la questione della viabilità è di primaria importanza anche per la vivibilità di un’area densamente popolata. Saranno necessarie diverse modifiche urbanistiche in questo territorio nei prossimi anni, al fine di gestire al meglio i tre flussi principali di traffico: la direttrice da Assisi-Foligno che attualmente rappresenta il 40 per cento dei visitatori dell’Ipercoop, quello proveniente da Perugia di altrettanta portata ed il flusso da Nord, che a breve vedrà il raccordo con la Perugia–Ancona in via di completamento. Per niente chiara appare poi la viabilità secondaria e quella di collegamento tra i quartieri. L’obiettivo è di evitare un blocco costante delle arterie stradali, che porterebbe diversi problemi per il traffico cittadino, già abbastanza congestionato”.

 

L’assessore Giuseppe Chianella ha risposto spiegando che “il nuovo complesso Ikea è destinato a diventare il più importante insediamento commerciale dell’Umbria, ma la Giunta al momento non dispone di un progetto compiuto e definitivo. Le risorse aggiuntive per interventi non di competenza Anas dovrebbero essere stanziati dalla società Euro commercial, anche se al momento non è dato conoscerne  l’entità e non sappiamo se il Comune ha intenzione di stanziare fondi aggiuntivi, data la complessità dell’intervento e le potenziali criticità indotte.

 

Il Comune di Perugia vuole predisporre una apposita variante al Piano regolatore, che dovremo valutare. Sull’assetto viario, Anas ha rivelato l’esistenza di un primo studio, che prevede un intervento sullo svincolo di Collestrada con una nuova viabilità complanare che intercetti i veicoli diretti e in uscita dal centro commerciale. Sarebbe prevista una nuova corsia di accesso, aggiuntiva rispetto a quella esistente, con l’ampliamento di un sottopasso e la realizzazione di una rotonda. Ci sarebbero quindi interventi per accedere al centro commerciale evitando il nodo di Collestrada. Il 35 per cento delle risorse stanziate da Anas (73 milioni circa) dovrebbero essere destinate all’adeguamento E45 (ma non alle complanari) mentre il restante 65 per cento dovrebbero servire per lo svincolo di Madonna del Piano.

 

L’avvio della realizzazione della prima parte del nodo di Perugia a Madonna del Piano lascerebbe aperto il problema della seconda tratta (verso Corciano), che per noi rappresenta la priorità assoluta ma che Anas non intende realizzare in quando dedicata a flussi di traffico locali. Si tratta di una questione importante quanto complessa per una riqualificazione della viabilità che tenga conto delle criticità esistenti, che risulterebbero aggravate da un intervento parziale o incompleto. Il progetto potrebbe richiedere verifiche di Via o di Vas, che non sono partite dato che non è stato depositato nessun documento, per questo non siamo in grado neppure di stimare i tempi per il completamento dell’intervento”.

 

Nella replica, Giacomo Leonelli si è detto “perplesso dal fatto che Anas non intenda intervenire sulla parte del Nodo tra Madonna del Piano e Corciano. La Giunta dovrebbe attivarsi con il nuovo Governo per dare attuazione al documento approvato dall’Assemblea. Dalle parole dell’assessore sembra emergere una sorta di gelosia inspiegabile da parte del Comune di Perugia che limita la partecipazione di altri enti a questo progetto, che peraltro riguarda una zona già gravata da problematiche. Non c’è volontà di inseguire cavilli per creare ostacoli, ma quella di salvaguardare la qualità della vita in un’area dove già ci sono criticità e dove vivono molte persone. I tratti dove dovrebbe essere realizzata la complanare appaiono già saturi inoltre manca un progetto di viabilità dedicata per chi proviene da nord (Perugia-Ancona ed E45). Le questioni aperte sono molte e l’Assemblea legislativa deve essere coinvolta in un approfondimento con Anas e Comune, magari con una audizione in Seconda commissione”. MP/

Carla_AssembleaLeg

COOPERATIVE DI COMUNITÀ: “UNO STRUMENTO CHE VALORIZZA IL PROTAGONISMO DELLE COMUNITÀ LOCALI”

By | Attività Istituzionale, Comunicati stampa | No Comments

Carla_AssembleaLeg(Acs) Perugia, 16 luglio 2018 – “Uno strumento innovativo che può fortemente valorizzare il protagonismo sociale ed economico delle comunità locali”. Così Silvano Rometti (Socialisti e Riformisti) ha presentato in Seconda commissione, insieme alla cofirmataria Carla Casciari (Partito democratico), la proposta di legge che mira a favorire la nascita, anche in Umbria, delle cooperative di comunità.

Le cooperative di comunità, si legge nella relazione che accompagna l’atto legislativo (composto da 5 articoli), si prefiggono l’obiettivo di produrre vantaggi a favore di una comunità alla quale i soci promotori appartengono o che eleggono come propria. Il fine dovrà essere perseguito attraverso la produzione di beni e servizi per incidere in modo stabile su aspetti fondamentali della qualità della vita sociale ed economica. Rometti e Casciari hanno tenuto a rimarcare come questo strumento sia già presente, producendo “importanti risultati” in altre regioni italiane.

E se l’esponente socialista non ha mancato di evidenziare che “in risposta alle principali necessità ed istanze provenienti dal territorio questo strumento di cooperazione può assumere la veste di cooperative di produzione e lavoro, di utenza, di supporto, sociali o miste” e che “molteplici potranno essere le possibilità di intervento ad opera della Regione al fine di sostenere il processo di sviluppo di tali cooperative, come finanziamenti agevolati, contributi in conto capitale e incentivi per la creazione di nuova occupazione”, Casciari ha rilevato che “a livello nazionale manca uno specifico quadro normativo, tant’è – ha spiegato – che altre Regioni si sono mosse con leggi proprie. Secondo uno studio recente, in Italia, cooperative con questa caratteristica ne esistono 24, a fronte delle 900 esistenti, al 2013, in Germania, con mansioni di gestione di energie rinnovabili. Anche in Umbria potrebbero dunque rappresentare un volano importantissimo per lo sviluppo dell’economia territoriale attraverso la valorizzazione di risorse locali”.

Il presidente della Commissione, Eros Brega, ha dato mandato agli uffici legislativi di Palazzo Cesaroni di procedere con l’istruttoria del documento legislativo che ritornerà così all’ordine del giorno dei lavori nelle prossime settimane. AS/