ISTRUZIONE: “SCONGIURARE LO SPOSTAMENTO DELLA SEDE DELLA FONDAZIONE ONAOSI DA PERUGIA A ROMA”

ONAOSI

ONAOSI“La Giunta regionale intraprenda, presso la sedi opportune, ogni azione che possa scongiurare il trasferimento della storica sede centrale e amministrativa della Fondazione Onaosi da Perugia a Roma”. Questo l’obiettivo della mozione presentata dai consiglieri regionali Carla Casciari e Giacomo Leonelli (Partito Democratico).

“L’Onaosi (Opera nazionale per l’Assistenza gli orfani dei sanitari italiani) – spiegano i due esponenti della maggioranza – è un’eccellenza del nostro sistema di accoglienza e accompagnamento nel percorso di studi per i figli dei sanitari, e sarebbe un vero danno per la città di Perugia e per le sue Università disperdere questo patrimonio di esperienze consolidate in oltre cento anni di storia. Si tratta di una Fondazione privata – spiegano –  con finali pubbliche e  senza fini di lucro, che ha come scopo primario quello di sostenere, educare ed istruire gli orfani e i figli di medici chirurghi, medici veterinari, farmacisti e odontoiatri, unici contribuenti dell’opera, per consentire loro di conseguire un titolo di studio. Presso il collegio di Perugia sono ospitati 300 ragazzi nei collegi e nel convitto, di cui solo 22 in età pre-adolescenziale e adolescenziale. Il ruolo della fondazione – aggiungono  –  è quello di offrire alle famiglie dei sanitari, deceduti o viventi, un sistema di welfare sussidario che possa consentire ai figli di conseguire un titolo di studio in un contesto adeguato, protetto e di qualità come la città di Perugia e il suo sistema universitario hanno saputo garantire”.

Casciari e Leonelli lanciano quindi l’allarme “per la progressiva riduzione del numero di studenti ospiti dei collegi e convitti Onaosi di Perugia, diminuiti di oltre 150 unità negli ultimi anni, dovuto alla scelta di chiudere il campus di Montebello e una parte del collegio femminile di via della Cupa. E siamo anche preoccupati per le conseguenze occupazionali che deriverebbero dal possibile trasferimento della sede amministrativa, da Perugia a Roma, e l’eventuale accorpamento dell’Opera assistenziale con altri enti previdenziali”.

“Date queste considerazioni – concludono Casciari e Leonelli -, vogliamo portare all’attenzione della Giunta e dell’Assemblea legislativa le trasformazioni che rischiano di alterare la natura e la mission della Fondazione Onaosi, che deve essere tutelata ad ogni livello istituzionale per continuare a fare di Perugia un campus educativo d’eccellenza”.

(Fonte Acs News, 4 febbraio 2016)

Leave a Reply