“Promuovere e valorizzare la figura dell’amministratore di sostegno”

ads_image
Il consigliere Carla Casciari (Pd) annuncia la presentazione di una proposta
di legge per “promuovere e valorizzare la figura dell'amministratore di
sostegno”. Per Casciari l’obiettivo è il “supporto alle persone più
fragili per la gestione di risparmi e patrimoni, ma anche per provvedere a
semplici esigenze quotidiane”.

---------------

“Promuovere e valorizzare la figura
dell'amministratore di sostegno”. È quanto dichiara il consigliere del
Partito democratico Carla Casciari annunciando la presentazione di una
proposta di legge che punta al “supporto delle persone più fragili, un
principio irrinunciabile all'interno del sistema di welfare regionale”.

“L'amministratore di sostegno – spiega Casciari - opera come tutore di
persone dichiarate non pienamente autonome per effetto di patologie, per
anzianità o perché prive di una rete familiare. Persone che si trovano in
difficoltà a provvedere ai più semplici atti della propria quotidianità,
come pagare le bollette o recarsi in farmacia, figuriamoci nel gestire i
propri risparmi e patrimoni. Per aiutare queste persone nelle loro attività,
consentendo comunque di mantenere una quota residua capacità giuridica, una
legge nazionale, in vigore dal 2004, ha introdotto la figura
dell'amministratore di sostegno nominata dal Giudice tutelare e scelto ove
possibile nello stesso ambito familiare, o in alternativa da una figura terza
che si renda disponibile ad assumere l'incarico”.

“Affiancare ad una persona fragile una figura come l'amministratore di
sostegno – prosegue Casciari - è auspicabile quando il contesto
socio-familiare della persona è particolarmente difficile o assente, onde
evitare profittatori e raggiri da parte di mal intenzionati. Per questo ho
ritenuto opportuno presentare questa proposta di legge affinché anche
l'Umbria, come hanno già fatto altre Regioni, si doti di una normativa che
contribuisca a favorire le nomine di amministratori di sostegno quale
possibile soluzione a situazioni di disagio, anche promuovendo e sostenendo
la formazione e l'aggiornamento costante per coloro che decidano di dedicarsi
a questa attività. Nella proposta di legge – conclude Casciari – tra le
iniziative che la Regione può promuovere sono previsti anche l'istituzione
di elenchi di persone che si rendano disponibili a svolgere il ruolo di
amministratore e il sostegno a sportelli informativi”.
(Fonte Acs, 12/02/2019)

Leave a Reply