SECONDA COMMISSIONE: IMPIANTO ADDESTRAMENTO PER UNITÀ CINOFILE DI SOCCORSO PRESSO CENTRO PROCIV FOLIGNO

20190416_100857

ccc(Fonte Acs) Perugia, 16 aprile 2019 – La Seconda commissione ha ascoltato ieri il dirigente regionale Borislav Vujovic (Servizio organizzazione e sviluppo del sistema Prociv) in merito a due atti di indirizzo, di Carla Casciari (Pd) e Valerio Mancini (Lega), relativi alla previsione di un centro addestramento per unità cinofile presso il Centro regionale di Protezione civile di Foligno. La risoluzione di Mancini (Istituzione in Umbria di un nucleo cinofilo dell’Arma dei Carabinieri – http://tinyurl.com/y2kjle8t(link is external)) era stata votata unanimemente dall’Aula nel novembre 2015, mentre quella di Casciari (Realizzazione di un impianto addestramento per unità cinofile di soccorso presso il centro Prociv di Foligno – http://tinyurl.com/yxuy4a6u(link is external)) era stata rinviata in Commissione per verificare la possibilità di unificare i due atti.

 

 

Vujovic ha spiegato che il progetto della Protezione civile prevedeva un campo cinofilo a Foligno. Ci si è avvalsi – ha detto – della collaborazione dell’Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze), poiché la struttura è riconosciuta dal Dipartimento nazionale Prociv, per realizzare e quindi gestire l’impianto in questione. L’Anpas dispone, tra l’altro, di numerose unità cinofile disposte sul territorio. L’obiettivo – ha aggiunto – è che il campo possa servire soprattutto alle associazioni di volontariato, le quali dispongono di molte unità cinofile, spesso costrette ad allenare i cani fuori regione. È stato firmato un protocollo di intesa – ha precisato Vujovic – che non preclude a nessun soggetto interessato l’uso del campo (associazioni, forze armate, forze di polizia, vigili del fuoco, ecc.). Ad oggi si è nella fase della realizzazione della struttura. Esistono tuttavia difficoltà normative rispetto all’allestimento del campo macerie, poiché le macerie vengono considerate ‘rifiuti’. Il centro dispone comunque di un rudere che funge da casa crollata, sul quale si starebbe intervenendo con interventi mirati affinché possa garantire ogni servizio necessario sia per l’addestramento che per la logistica organizzativa. È in fase di predisposizione un regolamento regionale per regolarizzare l’utilizzo dei cani per il ritrovamento delle persone scomparse. Si punta dunque a qualificare questo servizio, sia rispetto gli animali che alle persone che li utilizzano attraverso corsi di formazione con l’attribuzione di appositi patentini. Vujovic ha sottolineato infine come la bozza del regolamento sia già stata condivisa dal ministero dell’Interno e dai Vigili del fuoco ed a breve, dunque, il documento di gestione dei cinofili dovrebbe approdare in Giunta per l’approvazione.

 

 

All’ordine del giorno della seduta anche altri due atti, per i quali si sono decisi approfondimenti tecnici oltre alla programmazione di eventuali audizioni con i soggetti interessati, si tratta di due proposte di legge: una firmata da Carla Casciari e Gianfranco Chiacchieroni (Pd) che mira alla ‘Tutela e promozione della dieta mediterranea’, l’altra promossa da Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari (M5S) per il ‘Sostegno alla filiera della canapa industriale’.

Leave a Reply