UFFICI DI PROSSIMITÀ: “TEMPISTICHE PER REALIZZAZIONE PROGETTO ANCHE IN UMBRIA” 

Carla Casciari

Carla Casciari(Fonte Acs) Perugia, 20 marzo 2019 – Il consigliere regionale Carla Casciari (Pd) annuncia la presentazione di una interrogazione alla Giunta per sapere “a che punto è l’iter per la realizzazione del progetto diretto alla realizzazione degli ‘Uffici di prossimità’ anche in Umbria e quali sono le tempistiche per l’attuazione di questa importante opportunità per il nostro territorio”. Nel suo atto ispettivo, Casciari ricorda che sarebbero “in corso tre progetti pilota in Piemonte, Liguria e Toscana. Sperimentazioni incentrate su una modellizzazione organizzativa, gestionale e tecnico-informatica, basata anche su un modello di comunicazione che prevede un unico portale di servizi telematici. Sulla scia delle sperimentazioni già avviate, le altre regioni dovranno predisporre le loro manifestazioni di interesse attraverso un piano operativo condiviso per l’individuazione di quali Comuni saranno sedi degli ‘Uffici di prossimità’, al fine di garantire un’offerta nazionale omogenea. Si tratta – spiega Casciari – di un processo progressivo che parte da un’analisi delle realtà esistenti e dei software disponibili fino a mettere tutte le Regioni nelle condizioni di avviare, entro il 2019, il lavoro di raccordo istituzionale per implementare tali uffici sul proprio territorio. Le regioni hanno, quindi, un ruolo strategico per consentire il corretto dimensionamento ed il posizionamento dei presidi giudiziari. È sempre più diffuso il bisogno – aggiunge -, specie per le fasce deboli della popolazione, di poter ottenere tutela dei diritti senza recarsi negli uffici giudiziari, accedendo ad un unico luogo ove i diversi enti che partecipano alla costruzione delle tutele offrono servizi integrati pubblici e facile accesso”.

 

 

Casciari tiene a sottolineare, tra l’altro, che “il Ministero della Giustizia ha avviato il progetto ‘Uffici di prossimità’ con l’obiettivo di avvicinare il ‘Sistema Giustizia’ al cittadino, offrendo la presenza di sportelli informativi e di supporto alla cittadinanza in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale, attraverso una collaborazione interistituzionale tra tribunali territoriali e Comuni, affidata ad una regia regionale. Tali uffici avranno il compito di assicurare una serie di servizi. L’iter progettuale degli ‘Uffici di Prossimità’ – aggiunge – è iniziato da tempo ed il risultato attuale è frutto di un confronto istituzionale tra Ministero di Giustizia, l’Agenzia per la coesione quale Autorità di gestione del Programma operativo nazionale ‘Governance e Capacità istituzionale’ e le Regioni che ne hanno condiviso la strategia sottolineandone l’importanza quale strumento di presidio territoriale”. “Il progetto in questione – conclude Casciari – è integralmente finanziato dal Fondo Sociale Europeo (Pon Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020) con risorse ingenti pari ad oltre 34milioni di euro e necessita di una importante collaborazione tra amministrazione centrale, enti territoriali ed uffici giudiziari. Per la gestione dei fondi sono state individuate le Regioni, ovviamente con la previsione di un ruolo determinante degli uffici giudiziari, quali destinatarie del finanziamento come soggetto intermedio tra il territorio e il Ministero di Giustizia. Il riparto si basa sul numero di fascicoli di volontaria giurisdizione pendenti ed iscritti nel 2017, sulla dimensione demografica del territorio, sull’impatto della soppressione delle sedi giudiziarie, sulla domanda e sul carico pendente in tema sempre di volontaria giurisdizione. Per l’Umbria è stato previsto più di 1milione di euro per un numero massimo di 34 sportelli attivabili. In tali sedi sarà consentito, dunque, di delocalizzare alcune attività, prima esperibili esclusivamente presso gli uffici giudiziari, decongestionando in tal modo i tribunali e facilitando gli utenti anche con la trasmissione telematica degli atti”.

Leave a Reply