URBANISTICA: “LA REGIONE NON PUO’ ESSERE UN SEMPLICE ‘BANCOMAT’ DEL CAPOLUOGO, SERVE CONDIVISIONE DEI PROGETTI E MONITORAGGIO”

arconi

arconi(Acs) Perugia, 24 ottobre 2017 – “Ci rassicura il fatto che non sia pregiudicato l’ingente finanziamento della Regione, ma desta perplessità la mancata partecipazione e condivisione piena del progetto”. E’ quanto affermano i consiglieri regionali del Partito democratico, Carla Casciari e Giacomo Leonelli, che hanno presentato questa mattina in Assemblea legislativa un’interrogazione a risposta immediata inerente il progetto di riqualificazione degli Arconi, in piazza della Rupe a Perugia.

“La Regione Umbria – proseguono – ha il diritto di monitorare e di condividere opere come questa, per cui ha concesso un cofinanziamento di circa 3 milioni 480mila euro, di cui 3 milioni per la bibliomediateca e 480mila circa per la Sala Gotica. L’accellerazione sul progetto esecutivo necessaria per non perdere i fondi non ha per nulla considerato la partecipazione della città, che oggi non sembra gradire le modifiche estetiche”.

 

“D’altro canto – sottolineano Casciari e Leonelli – sia la Regione che il Governo hanno investito una quota cospicua di fondi per i progetti di rigenerazione urbana della città di Perugia per un totale di oltre 40 milioni di euro. Anche nell’ultimo Consiglio comunale aperto sulle grandi opere, che si è tenuto lunedì scorso, è emerso che per il completamento dell’Auditorium di San Francesco la Regione ha stanziato 2 milioni ed 800mila euro, per il Mercato Coperto 4 milioni e 850mila euro, per il Teatro Turreno 3 milioni e 100mila euro, per la riqualificazione dell’area industriale di Sant’Andrea delle Fratte 2 milioni e 500mila euro, per la maxi riqualificazione di Fontivegge, grazie al Bando Periferie finanziato dal Governo, per 16 milioni di euro, per l’Agenda urbana di Perugia 11 milioni e 600mila euro, che comprende una progettualità che vanno dalla mobilità sostenibile all’inclusione sociale. Considerare l’Amministrazione regionale – concludono – un semplice ‘bancomat’ non risponde alla leale collaborazione istituzionale che serve a Perugia, capoluogo di Regione”. RED/mp

Leave a Reply